Romania: un Natale particolare nel ricordo di Gimi

Eccoci arrivati alla fine del 2018: un anno di cambiamenti e di incontri, di crescita e di difficoltà affrontate.

Un anno fatto di persone e di affetti.

Manuel, Sara, Roberta, Maite, Laia, Franziska, Andrès, Anna: sono solo alcuni dei giovani volontari che, per un periodo breve o lungo, hanno scelto di dedicare tempo ed energie ai bambini di Panciu e che hanno costruito relazioni e amicizie che vanno oltre il tempo del loro servizio. Relazioni che partono da Italia, Romania, Spagna, Germania, Perù per incontrarsi a Panciu, e da lì ripartire arricchite.

Monica, Larisa, Valentina, Lenuta, Isadora, Any Mary sono invece le persone dello staff locale che, anche insieme a tanti volontari rumeni, hanno portato avanti con costanza e impegno la quotidianità del Centro Pinocchio, facendone un luogo di incontro e di gioco, di accoglienza e di allegria condivisa, di ascolto e di scambio.

I nomi dei bambini sarebbero tanti da elencare: alcuni di loro sono ormai dei “veterani” del centro, altri sono volti nuovi.
Ognuno porta con sè una storia, un sorriso e un pianto, la voglia di crescere e giocare insieme.

In questi giorni sono elettrizzati dai preparativi per il Natale, tra prove di canti e la tradizionale recita per i genitori.

È un Natale particolare, quello di quest’anno. Porta con sè un velo di tristezza nel ricordare che Gimi non sarà con noi.

Siamo però tutti convinti che anche lui, da qualche parte lassù, parteciperà alla recita natalizia: magari facendosi due risate come gli altri anni, o ballando un po’ di hip hop.

Monica, la coordinatrice educativa, ha voluto immaginare per una lettera a Babbo Natale scritta da due fratellini più piccoli di Gimi. Rappresenta per noi il modo migliore per condividere quello che ogni giorno vivono i bambini di Panciu.

Caro Babbo Natale,

oggi è stato il primo giorno di neve qui a Panciu. Se stai leggendo questa nostra lettera, saprai già che siamo Melisa e Tiberiu. Siamo sicuri che, da dove vivi tu, ci avrai seguito lungo tutto quest’anno.

Possiamo dire di essere contenti, perchè cresciuti e finalmente abbiamo iniziato ad andare a scuola. Vedessi com’è bello! È l’unico momento, insieme alle ore passate al Centro Pinocchio, in cui ci sentiamo sereni e non pensiamo alle cose tristi.

Forse non lo sai, o forse eri troppo impegnato a lavorare alla tua fabbrica di giocattoli, ma nostro fratello Gimi non c’è più. Può darsi che tu l’abbia visto giocare e scherzare con gli angeli. È stato così difficile per la nostra famiglia. Siamo rimasti in 4 fratelli e la nonna è l’unica che ogni giorno si occupa di noi come può. Ormai è anziana e sappiamo bene che nel suo cuore sente tantissimo la mancanza di Gimi, che era un ragazzino sveglio e la aiutava molto. Noi però le abbiamo promesso – e ora lo promettiamo anche a te -, che vi renderemo orgogliosi di noi.

Quest’anno speriamo di andare bene a scuola e di fare felici i nostri fratelli e le educatrici del Centro. Stiamo facendo del nostro meglio per essere dei bravi bambini e per avere buoni risultati a scuola come segno di ringraziamento a tutti.

Anche quest’anno vorremmo chiederti una cosa. Sappiamo che ci hai sempre regalato tutto ciò che potevi e che il tuo sacco potesse contenere. Non ti chiediamo molto perchè ci sono tanti altri bambini che hanno bisogno come noi… in fondo noi bambini abbiamo sempre delle richieste.

Non vogliamo giocattoli costosi, vorremmo una cartella rosa e una blu, matite colorate e tutto il necessario per andare a scuola. Magari, se possibile, anche un paio di scarpe invernali, così la nonna ci può lasciar giocare nella neve con gli altri bambini.

Babbo Natale, avremmo molto altro da raccontarti ma non ti rubiamo altro tempo… così puoi leggere le lettere di tutti i bambini del mondo. Per favore, se ci sta, metti nel sacco un po’ di calore per scaldarci il letto stanotte. Ti vogliamo bene e cercheremo di non essere troppo monelli.

Promettici che non spierai le prove dello spettacolo di Natale, dev’essere una sorpresa anche per te! Sappi però che stiamo imparando una bella poesia. Sarà una giornata fantastica e ci piacerebbe che tu e le tue renne veniste a trovarci.

Buon Natale anche a te e grazie di cuore!

Melisa e Tibi da Panciu



X